martedì 1 dicembre 2015

"Contadine a tutto Gas" L'orto condiviso


 "Contadine a tutto Gas"
L'orto condiviso 
 Rapallo (Ge)

Dinaweh




Finalmente: ce l'abbiamo fatta! 
E' stata una bellissima esperienza che ha coinvolto tanti amici, 
per arrivare a festeggiare, tutti insieme, la festa del Raccolto delle olive, 
domenica 29 novembre, 
sulle alture di Rapallo.


...Ma, lasciate che vi racconti di questo bell'esperimento che, un manipolo di donne coraggiose e agguerrite, ha deciso di intraprendere dal luglio del 2014, rilevando un terreno ad oliveto e orto ormai abbandonato all'incuria del tempo; si tratta di una proprietà sulle alture di Rapallo, cittadina rivierasca del levante ligure incastonata nel bellissimo Golfo del TIgullio, che le impavide Manuela e Laura hanno ricevuto in comodato d'uso gratuito per un periodo stabilito con i proprietari i quali, pur di non vedere andare in rovina quel fazzoletto di terra abbarbicato sulle colline prospicienti il mare, hanno accettato di buon grado di affidarlo alle amorevoli cure delle nostre pioniere. In realtà, all''inizio, l'entusiasmo era tale che alcune altre del gruppo dei GAS della zona (Gruppo di Acquisto Solidale) si erano unite al progetto, per poi perdersi lungo il faticoso cammino che la terra esige da chi con lei si vuol misurare, non smettendo tuttavia di essere prodiga e di elargire i suoi beneamati frutti, quando 'sente' l'amore con cui la si riconosce e la si cura... 
I primi momenti sono stati - dal loro racconto tutt'oggi appassionato - molto faticosi e duri, poiché si trattava di ripulire le "fasce" dell'oliveto, completamente sommerse dall'erba alta e dai rovi, nonché da un'invasione di repellenti roditori (topi) che avevano trovato lì il loro habitat naturale... Ci voleva un forte intento per continuare e non desistere dall''impresa. 
Dopo diversi mesi di pulizia, finalmente si cominciavano a vedere la forma e la dimensione del terreno, prima irrimediabilmente nascosto dalla rigogliosa vegetazione spontanea e abbruttito dalla sporcizia che un anziano custode vi aveva precedentemente accumulato. Plastica, ferro vecchio, cartoni e bottiglie sparsi qua e là ora potevano lasciare spazio a tutta la creatività esplosiva, alla voglia di fare, al desiderio di prendersi cura e alla conseguente soddisfazione del raccolto di frutta e verdura di stagione!

Con il passare del tempo l'orto delle "Contadine a tutto Gas" diventa un punto di riferimento per amici, famiglie, bimbi, con i quali a volte si organizzano giornate e pranzetti vegetariani dal sapore antico... Sono state già sperimentate giornate per la raccolta delle erbe spontanee, grazie alla gentile collaborazione di Linda, un'amica botanica che si presta volentieri, non appena riesce a liberarsi dai propri impegni di lavoro; insieme ai bimbi si sono fatte scorpacciate di pansoti alla ligure, cimentando la loro curiosità  all'impasto e alla fattura dei deliziosi speciali ravioli...
E poi c'è Anne che, col suo accento francese, ha preferito lasciare la sua Savoia (una volta nostra...) per ritemprarsi al clima della bella Liguria. Non è stato facile per lei ambientarsi subito; la differenza linguistica, la cultura d'oltralpe e la sua indole indipendente l'ha misurata presto con i tempi e le modalità delle scelte condivise, con il pacato e naturale avvicendarsi dei ritmi della terra, con la paziente osservazione dei processi e delle modalità silenti dell'alchemica forza della natura. 
Il suo entusiasmo, oggi supportato dalle solide basi di una sfida vinta e superata, ha fatto sì che in occasione della festa, riuscisse a trascinarsi dietro uno stuolo di bambini gioiosi e festanti...         
A Manuela, Laura e Anne si è aggiunta anche Alessandra che si alterna con loro nella cura dell'orto, partecipando attivamente alle allegre e gioiose iniziative che via via, secondo il ciclo delle stagioni si organizzano, coinvolgendo amici e simpatizzanti. La sua indole giocosa e 'bambina' la porta ad essere la migliore organizzatrice di eventi ludici e festosi per i più piccoli. Dobbiamo a lei infatti la costruzione della magnifica "Olivia", la più bella spaventapasseri che possa essere mai stata vista sulla faccia della Terra...
Dulcis in fundo, Anna che, come una Vestale del tempo antico, segue da lontano, con amabile discrezione ed entusiasmo, incalza, protegge e promuove ogni attività, ogni iniziativa del gruppo, tessendo contatti e scambi con l'esterno, attraverso la rete e il delicato ma incisivo contatto personale... 



L'aspetto peculiare delle "Contadine a tutto Gas" è  di essere un'iniziativa prettamente"al femminile"; un modo per siglare quell'antica alleanza con madre Terra, che sa nutrire, sa custodire, sa ammansire la protervia dell'uomo ai cicli di natura, forgia la pazienza, rinsalda la volontà, allevia le ferite...  E poi i colori, il profumo della terra e dei suoi doni hanno a che fare con la sensibilità di una madre che cresce i suoi figli con la delicatezza e i frutti che solo lei potrebbe elargire, con liberalità, con pazienza e tenace ostinazione. Entrare in contatto con la terra diventa una meditazione, una cura dell'anima prima che del corpo, una preghiera di ringraziamento per la gratuità con cui ella sa donarsi e un esempio per noi a fare altrettanto, sempre, in continuazione, secondo i cicli del nostro respiro, che diventano sempre più in sintonia con quelli della Terra! 


E poi, la festa del raccolto delle olive...

La festa del Raccolto


domenica 29 novembre

Ed eccoci finalmente alla festa del Raccolto! Qualche sfrondatura agli olivi più alti ci ha permesso di raccogliere qualche quintale in più di olive e, alla fine il raccolto è stato ottimo: acidità allo 0,5% e resa del 17%! Un record, per un oliveto che era stato abbandonato da così tanto tempo... Non potevano mancare i bambini e lo spaventapasseri, che più che a far da guardia all'orto è rivolto verso il mare per il saluto al sole! Il suo nome? Olivia, naturalmente femmina anche lei! Ed ora un po' di foto della bellissima giornata...


                  le torte di zucca

le torte con le erbe spontanee

Manuela

la festa

la siesta sull'amaca

la degustazione comunitaria

Laura

la preparazione di "Olivia"


Anne
















Alessandra

"Olivia" in costruzione

Anna

gli ultimi ritocchi

"Olivia" e Alessandra

"Come sono bella!"

Lorenzo prepara la buca per "Olivia"

finalmente in piedi!
 

e infine la giornata giunge al termine e il sole si confonde e muore
dietro il promontorio di Portofino







THE END


5 commenti:

Unknown ha detto...

Brave ci vuole passione per avere questi risultati un'esperienza che avrei fatto volentieri anch'io

Luca Peirano ha detto...

La vittoria sta nell'unione delle forze. Da soli si soccombe, uniti si vince! Ricordi il motto dei tre moschettieri: "Tutti per Uno, Uno per tutti"? Mai come oggi questo motto è così vero! La forza del cambiamento sta oggi più che mai nella condivisione e nell'unione delle forze. Ci si salva insieme; da soli non rimangono più nemmeno i tassi... Coraggio! Chi vuole, può tutto...

Anne Cholin ha detto...

"l'egoismo è finito" di Anotnio Galdo, fa il giro d'italia e europa e racconta la nuovaciviltà dello stare insieme.
come dice Luca, insieme si puo fare tanto, che da solo facciamo fatica.
bella vita !

Anne Cholin ha detto...

grazie per questo bel 'reportage'. :)

Domenico Broghetti ha detto...

Mi rammarico molto di non essere stato presente... Mi auguro che nella prossima iniziativa che organizzerete, riesca a trovare il tempo di portarci la mia famiglia..... Un complemento e' d'uopo.... siete state bravissime tutte.... Davvero brave....